Elezioni Politiche 4 marzo

/Elezioni Politiche: Adele Gatti
Elezioni Politiche: Adele Gatti 2018-02-08T10:12:16+00:00
Adele Gatti PD Lecco

Adele Gatti
CAMERA – Collegio Uninominale Merate

Sono Adele Gatti, Sindaco di Airuno, ho 58 anni e sono nata a Lecco da mamma Brianzola e papà Bergamasco, abito ad Airuno da sempre.

ESPERIENZA LAVORATIVA – PROFESSIONALE

Ho lavorato come operaia dai 14 ai 20 anni, successivamente dopo aver acquisito il diploma di Infermiere, ho svolto questa professione per 36 anni presso l’ospedale Mandic di Merate e poi come Caposala nell’assistenza domiciliare e delle Cure Palliative presso il dipartimento della Fragilità dell’ASL di Lecco. In questi anni ho avuto anche incarichi sindacali nella Cisl   per il settore Sanità. Dopo 42 anni di lavoro da dicembre 2015 sono in pensione.

Fin dalla mia gioventù mi sono impegnata in vari campi: oratorio, missioni, disagio giovanile. Insieme alla mia professione di Infermiera queste esperienze diverse e profonde, mi hanno tenuto  a contatto diretto con i problemi e le persone, senza il filtro della distanza.

Tutte queste esperienze maturate sul campo mi hanno permesso, quando sono entrata in politica di affrontare con la dovuta competenza temi delicati come il lavoro, la tutela della salute, le problematiche sociali, l’attenzione alle situazioni più fragili, i problemi dell’immigrazione.

Il mio impegno politico è iniziato nel mio paese a 24 anni con la prima esperienza come consigliere comunale, dopo un periodo di interruzione a  40 anni sono stata nominata vicesindaco e assessore ai servizi sociali. Nel 2009 sono stata eletta Sindaco di Airuno presentandomi con una lista civica, poi riconfermata nel 2014 per il secondo mandato . Durante i due mandati ho ricoperto la carica di presidente dell’Assemblea dei Sindaci del distretto di Merate e di componente dell’Assemblea regionale del PD.

“UN SINDACO PER 2 TERRITORI”

E’ questo lo slogan con cui ho scelto di presentarmi alle elezioni del 4 marzo, come rappresentante del PD nel collegio uninominale di Merate.

Due, infatti, sono le aree che il parlamentare eletto sarà chiamato a rappresentare: quella meratese e quella bergamasca, dall’Isola alla Valle Imagna. Sono legata a entrambe visto che  mio padre era nativo di Martinengo  e mia madre di Airuno. Per il territorio mi impegnerei per:

INFRASTRUTTURE E MOBILITÀ

Una strada e un ponte per il futuro dei due territori

L’alta velocità ferroviaria e le piste ciclabili, il trasporto pendolare, le metropolitane, le tramvie costituiranno sempre più lo strumento di connessione e collegamento per milioni di italiani. In particolare per i nostri due territori lavorerò perché si completi la Lecco-Bergamo così che si realizzi   il collegamento tra Calolzio e Cisano.

Il completamento di questa strada deve fare da traino  per realizzare migliori connessioni tra il Meratese e la Bergamasca  (direttrice Est-Ovest),  per rafforzare i collegamenti con l’aeroporto di Orio Al Serio, le autostrade e le diverse realtà produttive, così da avere una via preferenziale su Bergamo e ridurre gli intasamenti sull’asse che porta a Milano.

Ponte di San Michele di Paderno – Calusco: ricordo che la sua riqualificazione è già stata finanziata dal governo uscente per ben 21 milioni di euro, quando partiranno i lavori ci sarà da osservare con attenzione  l’implementazione e il potenziamento della linea ferroviaria. Questa linea ferroviaria è fondamentale per i due territori, in quanto viene utilizzata giornalmente da centinaia di  pendolari per recarsi nella cintura milanese, visto che al  termine dei lavori i treni non transiteranno più a 10 all’ora.

Sul trasporto pendolare che interessa molti dei nostri paesi bisognerà porre una forte attenzione perché venga assicurata in base alle proprie competenze (Regione -Stato) oltre alla qualità anche il ricambio del parco mezzi per il quale a livello statale si è aperta finalmente una fase di rinnovo del materiale, che è stata finanziata ma ancora non è stata toccata con mano dalla maggioranza dei pendolari.

ENTI LOCALI  e GESTIONE ASSOCIATA DEI SERVIZI

Dopo Retesalute e l’isola Bergamasca è possibile pensare a nuove reti di servizi?

Nei nostri due territori ci sono due realtà consolidate e ben conosciute sia dagli addetti ai lavori che da tutti i cittadini: sono le due Aziende speciali Consortili che, per conto e a nome dei Comuni,  erogano servizi principalmente nell’ambito sociale. Sono Rete Salute per il territorio meratese  e l’Isola Bergamasca per una parte dei comuni bergamaschi.

Partendo da queste realtà ben consolidate e ormai diffuse in tanti territori, serve che a livello centrale si riprenda a fare ragionamenti sulle funzioni da associare fra Enti Locali (per esempio le scuole), nella ricerca di soluzioni che, senza far venir meno l’identità dei piccoli Comuni, licenzino nuove regole di sistema, di risorse e di organizzazione in modo da permettere ai Comuni  di mantenere ed erogare servizi con economia di scala.

SICUREZZA NEI NOSTRI PAESI

Creazione di una rete integrata per una sicurezza sovraterritoriale del territorio.

I due territori comprendono paesi per la maggior parte di piccole dimensioni: l’attenzione da parte dei  Sindaci e dei cittadini sul tema della sicurezza rimane sempre alto. La problematica deve essere costantemente seguita e monitorata anche con investimenti maggiori a livello centrale, sia per attivare sistemi di videosorveglianza sovraterritoriali che devono rimanere  in capo alle autorità competenti sia autorizzando il turn-over della Polizia Locale.

Se venissi eletta porterei con me tutta la mia preziosa esperienza di amministratore pubblico, professionale e sociale che mi permetterà di essere una attenta osservatrice delle scelte future che ricadranno sugli Enti Locali dai banchi del PD.